Translate

Benvenuti.

Notizie, commenti e riflessioni su " l'Italia che non si vergogna, con la testa nell'elmo di Scipio, va alla gogna. " Blog che nasce dalla volonta ed esigenza dell'autore di dibattere e confrontare la propria visione di mondo e società con quante più persone, motivo per cui sono molto graditi i commenti.

2009/04/11

I morti che NON (si) CONTANO

Copio e incollo dal blog di AnellidiFumo


L'Aquila, i morti clandestini

Sighele mi ha segnalato due post di due blog diversi. Il primo è ByoBlu, un videogiornalista che ha raggiunto L'Aquila, il quale scrive:
Il centro storico dell'Aquila è da abbattere e ricostruire. E questo lo dicono intanti. I morti, i feriti e gli sfollati sono stati contati, più o meno precisamente. E questo lo dicono tutti. Adesso vi dirò qualcosa che non dice nessuno.

Gli scantinati e i seminterrati del 90% del centro storico erano stati affittati.In nero. Dentro c'erano clandestini, immigrati, extracomunitari, come italiani qualsiasi. Spesso ammassati. Ci sono ancora. Centinaia di personeche non risultano all'anagrafe, che non compaiono nelle liste dei dispersi, chenon esistono. I proprietari delle case che si sono messi in salvo non ne denunciano la presenza. Non gli conviene. Nessuno li cerca. Nessuno li piange. Da vivi non esistevano, non esistono neppure da morti. Spazzati via di nascosto, come la polvere sotto al tappeto. In fondo, perchè darsi tanta pena per loro? Una tomba ce l'hanno già. E questa volta non gli è costata niente. Gliel'abbiamo data gratis.

All'Aquila sono in molti a saperlo. Ora, lo sapete anche voi. 

L'altro blog è quello di un'aquilana, Miss Kappa, che aveva denunciato sul suo blog l'aumento dello sciame sismico sin dal 31 marzo. Leggendo i suoi post, sostiene Sighele, si ha una conferma indiretta di ciò che denuncia ByoBlu. 

Io, dal Canada, non posso verificare di persona la notizia, ma posso fare una riflessione: so che in molti centri urbani e rurali gli italiani affittano in nero a extracomunitari gli scantinati, le masserie, i seminterrati. Lo so perché l'ho visto fare a Roma, a Bologna, a Urbino, a Cremona, a Milano, a Pescara: ovvero tutte le città in cui ho vissuto negli ultimi dieci anni. Poi posso fare un calcolo statistico, per altro già fatto da Miss Kappa: a Onna ci sono stati 48 morti su 600 abitanti; è statisticamente possibile che a L'Aquila ce ne siano stati 200 su 42.000? Mi limito a porre la domanda. Ma probabilmente questo terremoto ha ucciso molte più persone di quelle che oggi sappiamo.

Nessun commento:

rimani aggiornato. ricevi via mail i mie nuovi articoli

Libri che consiglio

  • "Gheddafi, Islam Petrolio e Utopia" di Mino Vignolo
  • No Logo di Naomi Klein
  • La Pulizia Etnica della Palestina di Ilan Pappe
  • Un indovino mi disse,Buona notte Sign.Lenin di T.Terzani
  • Il teorema del pappagallo di D.Geudj
  • La fattoria degli animali di G.Orwell
  • Il De Bello Gallico di C.G.Cesare
  • Imperium di R.Kapuscinski
  • I Courtney (il ciclo ) di W.Smith
  • Il mondo di Sophia di J.Gaarder
  • Il codice da Vinci e Angeli e Demoni di D.Brown
  • Harry Potter (tutti) di J.K.Rowling
  • La notte dei desideri di M.Ende
  • La compagnia dei celestini di S.Benni
  • L'ultima Legione e Il Tiranno di M.Manfredi

Wikio

Wikio - Top dei blog